Strict Standards: Non-static method nggallery::get_option() should not be called statically in /storage/content/49/1010049/ecomuseodeicampiflegrei.it/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/nggfunctions.php on line 10 Strict Standards: Non-static method nggallery::get_option() should not be called statically in /storage/content/49/1010049/ecomuseodeicampiflegrei.it/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/nggfunctions.php on line 578

LAURA LONGO - Napoli al centro del mondo … nel 2013.
Forum Internazionale delle Culture a Napoli: sfida e opportunità per la città.
forumculture.jpg Dal 10 aprile al 21 luglio 2013, Napoli ospiterà il Forum Internazionale delle Culture. La manifestazione, istituita dall’Unesco nel 1997, ha già toccato le città di Barcellona e Monterry, nel 2010 sarà a Valparaiso, Cile, per approdare, tre anni dopo, nel capoluogo partenopeo. L’incontro tra le numerose culture del pianeta ha l’obiettivo di favorire il confronto su temi di imminente attualità, dallo sviluppo sostenibile alla solidarietà mondiale, e che non nega un ruolo di primo piano ai giovani.
Il Forum rappresenta una vera e propria opportunità per il capoluogo partenopeo e per l’Italia tutta: come si è già verificato nelle edizioni precedenti, è soprattutto l’impatto turistico- si stimano oltre 5 milioni di visitatori per Napoli - la linfa per le città teatro dell’evento. La manifestazione segna un enorme passo in avanti verso la riqualificazione internazionale della città ed un potenziamento occupazionale e turistico.
A questo proposito, interviene Nicola Oddati, assessore alla Cultura del Comune di Napoli: “Si prevede una crescita dell’occupazione per un totale di 20mila persone. A ciò si aggiungono altri 50mila addetti che lavoreranno nel periodo del Forum”.
Sul versante urbanistico, si parla di miglioramento di infrastrutture e trasporti nella zona che interesserà l’evento, Bagnoli ovest: completamento della linea 7 della metropolitana, metro del mare che arriverà al pontile ed un sottopasso che collegherà autostrada e Bagnoli. Tra fondi pubblici, comunitari e privati, l’ammontare della cifra impiegata è di 1.200 milioni di euro. Il timore è quello di sempre: riusciranno i fondi a coprire le aspirazioni di una città vittima di abusi e soprusi? Oddati ammonisce: “Bisogna tenere fuori dalla porta la criminalità e applicare la trasparenza di tutte le procedure.”

Laura Longo


2 commenti

Non c’è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.